laboratoriocromografia

INFO & CONTATTI


facebook
twitter
instagram
whatsapp

jaccarino@email.it

+39 338.4576.147 

Claudio Jaccarino © All Right Reserved 2020

cookie-policy

CONSIGLI DI LETTURA

La pittura è anche cultura. Quale modo migliore di alimentarla se non attraverso la lettura?

E dunque alcuni consigli che ritengo importanti per scoprire, crescere e godere di momenti di intimità. Spunti per poter riflettere, discutere e perchè no, riversare su un foglio di carta, un gesto, una pennellata un'idea, un emozione. C.J.

 

FINIS TERRAE, di Fausto Leali -Tutte le strade portano al mare  Edizioni la memoria del Mondo.

 

Il libro del medico ospedaliero Fausto Leali è un viaggio in tanti luoghi del mondo ma è sopratutto un viaggio interiore  sulle ali della musica e dei cantautori che hanno accompagnato il suo percorso. Da Bob Dylan ai cantautori francesi i viaggi di Fausto sono  il percorso accidentato di un pellegrino che racconta il proprio vissuto (luoghi, incontri, chiese, ospitalità, dubbi) come un unico ininterrotto viaggio che lo porta quotidianamente al lavoro in ospedale ma anche su luoghi  lontani, verso Gerusalemme, verso l'orizzonte del mare, tessendo in un unica trama la ricerca di senso, di fraternità e di bellezza. 

Viaggi raccontati come una sola intensa meditazione su quel viaggio che è poi la nostra vita insieme.  Grazie per tua voglia di raccontare.

Grazie per la condivisione. 

finis terrae.jpeg
venezia.jpeg


Come Jaccarino e i suoi compagni di acquarello il poeta olandese è un curioso incallito (e un turista molto speciale):
 

"Questa è sempre stata una città per forestieri. Il gioco consiste nel far durare un secondo di più l'incertezza, nell'essere veneziano per un microsecondo, prima che abbia luogo l'inevitabile smascheramento. Loro da un lato vivono di noi, dall'altro si sentono minacciati dalla nostra massa e la sera abbandonano la città come una nave che affonda. Ma come fai a spiegargli che non fai parte della massa?"

 

VENEZIA, il leone la città e l'acqua 

Cees Noteboom - Iperborea editore

il silenzio è cosa viva.jpeg

"Ogni arte è un pieno che traccia un vuoto: la danza lo disegna, la musica lo risuona, la poesia sospende la parola e non ne garantisce il ritorno, non solo con gli a capo, ma anche con la sospensione del senso comune, la scultura toglie la materia per far apparire dal vuoto la forma, la pittura traccia nel vuoto i contorni dei pieni" 

"Il silenzio è cosa viva" - Chandra Livia Candiani

Giulio Einaudi edizioni

 

 

schiraldi

Si tratta di un romanzo ambientato tra Milano e L'Argentina. Un'Argentina raccontata dall'occhio - allo stesso tempo incantato e disincantato - di chi l'ha conosciuta non solo attraverso i libri ma perché ci ha vissuto a lungo.
Un protagonista ribelle e romantico, appassionato seppur carico di dubbi, in un viaggio di andata e ritorno. L'arte nasce da atti arbitrari di accentuazione. Il racconto di Vito Schiraldi è del tutto inventato eppure allo stesso tempo "vero"... vi riconosco le atmosfere, i personaggi, i bar, gli incontri metafisici e surreali di una realtà assurda e indecifrabile.

 

​"Sopraffatto a volte da dubbi atroci"  - Vito Schiraldi

La Memoria del Mondo - Libreria Editrice

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder